I miei 35 motivi semiseri per amare la Letteratura

Leggete questo post di TRA SOTTOSUOLO E SOLE, particolarmente meritevole di attenzione.

I miei 35 motivi semiseri per amare la Letteratura (antoniodileta.wordpress.com)

Sono immerso nella lettura della “Critica della ragione pura” di Kant e quindi ho meno tempo a disposizione per leggere altro o scrivere articoli. Ho pensato, così, di “barare”, ripubblicando un mio vecchio articolo, scritto e pubblicato marzo. All’epoca il mio blog era molto meno seguito, ma a qualcuno piacque questa mia lista semi-seria. La propongo anche a chi mi “segue” da meno tempo. Spero che voi abbiate altrettanti e maggiori motivi di amare la Letteratura. :)

  • perché quando sono in fila alla posta, dal dottore o altrove posso attendere il mio turno senza morire di noia
  • perché l’ultima pagina de “La nausea” di Sartre mi fece piangere
  • perché ogni anno, il 19 marzo, quando nel mio paese accendono i fuochi per la festa di S. Giuseppe, penso al finale de “La luna e i falò” di Pavese
  • perché leggendo non ho scoperto il senso della vita, ma ho scoperto che anche se non c’è alcun senso “bisogna immaginare Sisifo felice”
  • perché quando mi chiedi un consiglio di lettura, anche se vorrei baciarti romanticamente in riva al mare o fare sesso selvaggio con te nel bagno di un pub, io ti consiglio qualcosa e non capisco mai se ho fatto bene a tacere tutto il resto
  • perché la villetta comunale del mio paese certe volte mi è sembrata davvero Pietroburgo
  • perché posso fare un elenco come questo
  • perché un giorno un bibliotecario mi disse che ero una delle persone più interessanti che aveva visto, che stavo seguendo un certo percorso che mi avrebbe portato…e non finì la frase, al che sospettai che alludesse alla pazzia
  • perché in fondo adoro il pensionato rompiballe che mi ripete da decenni che leggo troppo
  • perché se passeggio senza un libro in mano, mi sento come se non portassi le mutande
  • perché mi rendo conto di quanto sia ridicolo passeggiare sempre con un libro in mano
  • perché quando vedo su un treno una ragazza che legge un libro, penso sempre che potrei innamorarmi
  • perché mio nonno ha vissuto benissimo senza leggere tanti libri, probabilmente era una persona “migliore” di me, e mi diceva sempre di mettermi al sole per leggere
  • perché mi piace
  • perché, più o meno, quando accarezzo un libro è come se accarezzassi il volto di una donna, più o meno
  • perché posso rileggere lo stesso libro più volte, e non è mai come la prima volta
  • perché ricordo quando un mio amico mi rispedì in faccia “Delitto e Castigo”, dandomi dell’ “introspezionista di merda”, ma poi lo lesse e disse che avevo ragione
  • perché non si dovrebbero citare così spesso gli altri, ma se qualcuno ha detto prima di me qualcosa che non riesco a esprimere, allora mi sento in diritto di abusare di citazioni
  • perché mi piace vedere nelle tessere dei libri che prendo in prestito in biblioteca i nomi di chi ha letto lo stesso libro prima di me, immaginare chi è, cosa fa
  • perché il Maestro alla fine trovò Margherita
  • perché se leggo un capolavoro capisco che devo smettere di scrivere
  • perché ho tempo per farlo
  • perché da un filosofo ho imparato che le passioni umane non bisogna deriderle, compiangerle o condannarle, ma cercare di capirle
  • perché l’odore di un libro non mi manda in estasi, ma lo preferisco ad altri profumi
  • perché quando scopro un autore che non conoscevo e mi entusiasma mi chiedo come potessi fare a non conoscerlo
  • perché non sono sicuro che la letteratura serva a evadere dalla realtà, ma sono sicuro che mi ha consentito di non finire in un luogo dal quale avrei dovuto evadere
  • perché quando incontro un amico che non vedo da mesi o anni, riprendiamo a parlare di Nietzsche, Dostoevskij, Kafka e Camus come se ci fossimo lasciati tre minuti prima
  • perché il rischio di apparire un borioso pseudo – intellettuale è ampiamente sovrastato dalla piena consapevolezza di essere solo un lettore appassionato
  • perché mi basta leggere una poesia di Baudelaire per capire che qualcuno si confonde se pensa che basti bere vino per diventare poeti
  • perché avere tante voci nella mia testa che mi parlano non sarà salutare, ma sarà peggio quando non ne avrò nemmeno una
  • perché la letteratura non mi ha cambiato la vita, ha contribuito a conservarla
  • perché “anche se non c’è amore, a volte c’è qualcos’altro”
  • perché quando vedo un bambino che in biblioteca legge un libro sono contento per lui
  • perché anche gli scrittori mentono, qualcuno completamente, qualcuno poco, magari qualcuno per niente, ma siccome anch’io mento, e persino a me stesso, siamo alla pari
  • perché leggendo ho capito che è solo un bisogno di certezza, di totalità, di essere rassicurati che ci spinge a fare gli elenchi di 10 o 100 oggetti, domande, desideri, etc, e perciò questo elenco finisce così, per ora.”.

8 thoughts on “I miei 35 motivi semiseri per amare la Letteratura

  1. maga scrive:

    E ne esistono anche tanti altri🙂
    (c’è gente che non ne trova nemmeno uno…bha!)

    • passoinindia scrive:

      eddai, allora raccontaceli. E’ vero, per tanti il libro rappresenta molto meno di un superfluo. Mi è capitato di entrare in case dove non ne ho visto neppure uno. Un gelo polare. Triste. Però hanno la tivvuuu’… Di solito non giudico gli altri, ognuno ha i suoi gusti però credo che farsi una cultura ed informarsi sia, oltre che un piacere personale, anche un dovere civile. Grazie del commento.

  2. noruleswords scrive:

    perché posso viaggiare stando seduto, in piedi, o disteso. Posso attraversare il mondo in un secondo e alla pagina dopo trovarmi di nuovo dove sono in questo istante.

    • passoinindia scrive:

      finalmente oggi ho visto la mostra di Mc. Curry. Tre ore in cui ho perso la cognizione del tempo, viaggiando tra l’India, la Cambogia, il Pakistan, l’Afghanistan, la Birmania, il Giappone, New York. Mi soffermavo guardando molto da vicino quei volti dagli occhi pazzeschi per non trascurare neppure un particolare. Ogni faccia una storia bella, brutta, o agghiacciante. Anche io oggi ho viaggiato come te.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...