Bihar, l ‘uomo passero ‘ e i suoi 8000 amici alati.

sparrowman

Arjun Singh , 48 anni, ha perso il padre e la moglie in rapida successione nel 2004 e 2005 . Seguì un lungo periodo di depressione e di ” solitudine assoluta “, fino a quando, nel 2007, un piccolo di passero cadde da un albero nel cortile della sua vecchia casa e questo trasformò per sempre la sua vita. Guarito, il passero volò via ma tornò con altri compagni. Oggi, circa 8.000 uccelli di questa specie, che sta velocemente scomparendo, vivono dentro e intorno alla sua casa ancestrale di Neraipur, nel distretto di Rohtas, circa 170 km a sud est di Patna, capitale del Bihar. Alla sua chiamata, “aao aao” ( vieni, vieni ), i passeri scendono dal cielo e mangiano i semi che ogni giorno lui offre loro. Ogni anno li nutre con almeno sei quintali di chicchi di riso.

” Quando mi siedo a pranzo, questi simpatici uccelli si riuniscono intorno a me e cercano di prendere il cibo dal mio piatto. Quando vado in giro per casa, non volano via, ma si fanno solo da parte e continuano a cinguettare. Mi hanno accettato come uno di loro. E hanno rimosso la mia solitudine “, ha detto Singh .

“Quando mio padre e mia moglie mi lasciarono ero completamente inerte. L’agonia mentale era insopportabile. Mia figlia aveva appena cinque anni e i miei fratelli, che vivono in Sasaramsi, si sono presi cura di lei. Mi sentivo solo e profondamente depresso “, ha aggiunto Singh , laureato in chimica.

Lo stormo di passeri è cresciuto e la compassione di quest’uomo ha contagiato le persone nei villaggi vicini che hanno cominciato a dare loro cibo e riparo. Il governo statale, che ha dichiarato il passero simbolo dello Stato, proprio lo scorso anno lo ha consultato come esperto nel suo sforzo di difendere i piccoli uccelli che stanno scomparendo velocemente dalle aree urbane e rurali.
Singh sta correndo contro il tempo per procurare ai suoi amici, prima del mese di dicembre, circa 1.000 nidi fatti di fango, bottiglie di bambù e plastica, il che consentirà alle coppie di deporre circa 4-6 uova fino a maggio, giugno.

Avendo trascorso anni con questi uccelli, Singh ha acquisito molta conoscenza riguardo a loro.” L’inquinamento, le radiazioni dovute agli apparecchi di telefonia mobile, l’uso di insetticidi e pesticidi, l’urbanizzazione dilagante, la caccia e la perdita di habitat sono le ragioni principali della diminuzione del loro numero. L’ uso di macchine trebbiatrici che controllano la caduta del grano per terra , stanno privando gli uccelli del loro cibo”,dice Singh .

Singh ha detto che queste belle creature alate sono un indicatore della salute dell’ambiente  ed una pubblica sensibilizzazione è necessaria per salvarli.

fonte: http://www.hindustantimes.com/india-news/bihar-s-sparrow-man-and-his-8-000-winged-friends/article1-1153637.aspx

libramente tradotto da PASSOINIDNIA

20 thoughts on “Bihar, l ‘uomo passero ‘ e i suoi 8000 amici alati.

  1. accantoalcamino scrive:

    Queste sono le storie vere di vita che mi tengono attaata alla vita e che mi fanno sperare e credere ancora “nell’infinita bontà dell’uomo”come scriveva Anna Frank. iao ed una carezza virtuale a quella meravigliosa persona…

  2. giò scrive:

    è una storia veramente commovente!è proprio vero che con l’esempio si può contagiare chi ci circonda,,,.con poco si può fare molto.Grazie Giò

  3. tachimio scrive:

    Una bellissima storia. Basta poco a volte per riacquistare serenità. Anche i passeri possono aiutare… Ad una nuova storia bella come questa… Isabella

  4. tramedipensieri scrive:

    Che storia fantastica!
    Io ci credo sai? Ci credo veramente perchè gli animali…hanno questo grande “potere” quello di farci apprezzare meglio la vita…..

    grazie
    .marta

  5. Chiara S. scrive:

    Questa è una delle tante storie che mi fanno riacquistare serenità e tranquillità nelle giornate no come quella di oggi. Mi ha fatto venir voglia di lasciarmi i problemi alle spalle e di aiutare qualcuno. Io ci ho sempre creduto alla storia che gli animali hanno un’anima e questa storia lo dimostra a pieno.🙂

    • passoinindia scrive:

      Ah che bello che quest storia sia stata utile a qualcuno. E chi non ha giornate no? Aiutare gli altri, persone o animali, aiuta anche noi stessi, su questo non c’è dubbio. Si, gli animali hanno un’anima….. lo credo anche io…. forse la stessa anima i qualcuno di caro che se ne è andato…………

  6. mfantuz scrive:

    Veramente carinissima questa storia, una perfetta simbiosi tra uomo a animali, sembra una storia d’altri tempi. Complimenti alla tua traduzione, grazie mille, Marco.

    • passoinindia scrive:

      Una semplice ma grande storia. L’uomo che vive per gli animali e loro che sopravvivono grazie a lui. Guarda che bello scambio, incondizionato, pulito, non contaminato, come ormai è tutto, dalla legge del profitto. Buon week end. Grazie.

  7. Stiamo distruggendo tutto. I passerotti scompariranno e noi non avremo più storie delicate come questa da ascoltare.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...