La tragedia di Bhopal.

raghu-baby-608

ll 4 maggio 1969 il ministero dell’Agricoltura indiano informa con una lettera l’emissario della Union Carbide dell’intenzione di concedere la licenza per fabbricare ogni anno 5.000 tonnellate di pesticidi. “Erano già 38 i paesi in cui la Union Carbide aveva issato la sua bandiera con la losanga blu e bianca, ma l’India era stato il primo ad avere stretto con la società rapporti così buoni, forse perché, grazie alla multinazionale, centinaia di migliaia di indiani sprovvisti di corrente godevano da quasi un secolo di un bene prezioso quanto l’aria o l’acqua: le torce elettriche …” che la Union Carbide India Limited produceva già in regime di monopolio, insieme a prodotti chimici, elettrodi industriali, vetro laminato e tanto altro, in 14 stabilimenti funzionanti in quell’immenso paese povero.

Dal 1977 al 1984 la “bella fabbrica”- lo stabilimento della Union Carbide a Bhopal – produce l’Experimental Insecticide Seven Seven, l’Insetticida sperimentale sette, detto Sevin, un veleno dall’odore di cavolo lesso. L’obiettivo è sfornarne trentamila tonnellate l’anno. Il sevin si produce a partire dal Mic. Isocianato di metile. Una molecola talmente “irascibile” da scatenare, al solo contatto con qualche goccia d’acqua o qualche grammo di polvere metallica, reazioni di incontrollabile violenza. Sull’etichetta è scritto “Pericolo mortale in caso di inalazione”.

La notte fra il 2 e il 3 dicembre 1984, quaranta tonnellate di una miscela di gas letali fuoriuscirono dall’impianto di produzione di pesticidi della UNION CARBIDE aBhopal, in India. La miscela era composta di isocianato di metile, acido cianidricoed altri gas tossici che si liberarono a seguito di una reazione incontrollata dovuta alla penetrazione di acqua nel reattore. La carenza di manutenzione dell’impianto e la disattivazione di molti sistemi di allarme fecero si che la nube venefica si diffondesse nelle aree adiacenti l’impianto, senza che alcun dispositivo di allarme si attivasse. L’esposizione alla miscela gassosa causò subito l’ustione dei tessuti degli occhi e dei polmoni dei lavoratori e della gente che risiedeva vicino l’impianto. La Union Carbide si rifiutò di fornire le informazioni sull’esatta composizione dei gas emessi e non fu quindi possibile un intervento medico specifico ed immediato. 2.500 persone morirono nelle ore immediatamente successive all’esplosione, con i polmoni intossicati e bruciati dal veleno. Dopo tre giorni si contarono altre 8.000 vittime. A tutt’oggi si stima in circa 25.000 il numero delle persone morte per il disastro e almeno mezzo milione di persone ancora subiscono le ripercussioni di quell’incidente.

L’incidente fu solo l’inizio di una tragedia che oggi, dopo più di 25 anni, continua a pesare sui sopravvissuti al disastro e sulla popolazione residente. Subito dopo l’incidente, la compagnia statunitense abbandonò il sito industriale senza effettuare alcun intervento di bonifica e di risanamento dell’area, lasciando sul posto enormi quantità di composti inquinanti. Il suolo e le risorse idriche, superficiali e profonde, sono ancora contaminate da sostanze tossiche, come composti del cloro (cloroformio, tetracloruro di carbonio, clorobenzene), metalli pesanti (mercurio, piombo, nickel, cromo) e il pesticida Sevin, prodotto nello stabilimento di Bhopal. Le patologie più diffuse tra le vittime sono danni permanenti agli occhi (cecità, generale diminuzione della vista, insorgenza di cataratte in età precoce), alterazioni delle funzioni polmonari (tosse persistente, affanno), disturbi neurologici, alterazione del sistema ormonale (ciclo mestruale irregolare), insonnia, depressione, mancanza di appetito, astenia. I casi di cancro e di tubercolosi sono aumentati in modo allarmante. Uno studio condotto a Bhopal sui modelli di crescita degli adolescenti, pubblicato dal “Journal of American Medical Association” nel 2003, ha trovato un ritardo selettivo nella crescita dei bambini maschi nati da genitori esposti a quella miscela gassosa.

Nel 2001 la Union Carbide è stata acquistata per 9,3 miliardi di dollari dalla Dow Chemical Company, la più grande multinazionale dell’industria chimica. Presente in 160 Paesi (con circa 46.000 dipendenti), la Dow è leader nella produzione di materie plastiche, prodotti chimici di base e prodotti per l’agricoltura, con un fatturato di 57,5 miliardi di dollari nel 2008. E’ responsabile della sintesi di alcuni dei composti più pericolosi messi in commercio negli ultimi 100 anni, fra cui il DDT, l’agente arancio (usato nella guerra in Vietnam), il dibromocloropropano (pesticida vietato in America nel 1978 perché capace di provocare sterilità e cancro) e il pesticida dursban (neurotossina capace anche di alterare il sistema endocrino). Nonostante il divieto negli Stati Uniti dal 1995, la Dow ha continuato a produrre e vendere il dursban in Sudafrica e in India almeno fino al 2002.

Greenpeace, insieme ai comitati delle vittime del disastro, da anni lavora per fare pressione sui vertici aziendali della Dow. Delegazioni di Greenpeace si sono incontrate più volte con i rappresentanti della società in India, in Europa e negli Stati Uniti, dove si trova la sede centrale. La gente di Bhopal da anni protesta per lostato di abbandono in cui vive e per la carenza e la difficoltà di ricevere un’adeguata assistenza sanitaria. La contaminazione ambientale continua a inquinare le risorse idriche mentre Warren Anderson, amministratore delegato della Union Carbide al tempo dell’incidente, continua a essere impunito. I movimenti che vogliono giustizia per Bhopal chiedono l’arresto e l’estradizione di Anderson che in tutti questi anni ha vissuto indisturbato negli Stati Uniti, nonostante l’esistenza di una mandato di cattura internazionale dell’Interpol a suo carico. Nell’ottobre 2002 due delle vittime della tragedia di Bhopal, Rashida Bee, membro della Campagna Internazionale Giustizia per Bhopal (ICJB) e il Dr. Mohammad Ali Quaiser, medico dell’ospedale creato per assistere gratuitamente i sopravvissuti, si sono recate in un tour europeo. Allo scopo di sollevare le loro richieste di fronte ai vertici delle filiali della Dow in Europa, sono venute anche in Italia. Qui Rashida Bee e il Dr. Mohammad Ali Quaiser hanno incontrato alcuni rappresentanti della sede legale della Dow Italia a Milano. A distanza di tanti anni, le promesse sono aumentate ma i fatti no. Greenpeace e Amnesty International hanno organizzato una serie di eventi e attività d’informazione a Milano e Roma per sollevare ancora una volta le richieste della gente di Bhopal:

Assicurare che il primo imputato Warren Anderson, presidente della Union Carbide all’epoca del disastro, cessi di fuggire e affronti il processo nella Corte di giustizia di Bhopal;

Sostenere i costi di trattamento medico a lungo termine per le persone sopravvissute e il lavoro di ricerca necessario per valutare l’esposizione delle generazioni future;

Bonificare il sito industriale della ex Union Carbide e garantire l’uso di acqua potabile alle comunità locali;

Assicurare un equo rimborso economico per le vittime e i loro familiari.

Greenpeace ritiene che la Dow Chemical Company, nel momento in cui ha acquistato la Union Carbide, si sia assunta la responsabilità non solo di gestire gli utili, ma anche le perdite del gruppo. Tra queste devono essere conteggiati i disastri ambientali e sanitari in attesa di essere ripagati, come quello di Bhopal. Fino ad oggi la Dow ha dimostrato di non avere alcuna intenzione di assumersi la responsabilità dell’incidente. A marzo 2003 ha addirittura avanzato una richiesta di risarcimento pari a 10.000 dollari contro le donne sopravvissute, che pacificamente avevano protestato all’esterno degli uffici della Dow di Bombay in occasione del 18esimo anniversario del disastro. (…).

La tragedia di Bhopal è un esempio del duplice fallimento del governo nella tutela della salute pubblica e dell’aziende nel rispetto delle norme di sicurezza. Troppo spesso, infatti, multinazionali come la Dow Chemical evitano di assumersi la responsabilità per i danni arrecati alle persone e all’ambiente.

Fonte: http://www.greenpeace.it/bhopal/bhopal.php

Foto: Raghu Rai.

Raghu Rai è uno dei più grandi fotografi indiani e membro della prestigiosa cooperativa la “Magnum Photos”. Le sue fotografie e i suoi saggi sono apparsi in molti importanti periodici e quotidiani internazionali come Time, New York Times, Paris Match, Geo e National Geographic. Ha esposto le sue mostre in diverse capitali mondiali come New Delhi, Amburgo, Praga, New York, Parigi e Tokyo.Raghu Rai è conosciuto per le numerose immagini e temi legati all’India di Madre Teresa, Indira Gandhi e della città sacra di Varanasi, con le quali ha colto gli aspetti più intimi della religione e della società indiana. Quando Raghu Rai arriva a Bhopal, la mattina dopo l’incidente della Union Carbide, vede un’India molto diversa, scopre un paese distrutto, i cui abitanti vivono nel panico e nella disperazione. Raghu Rai rimane profondamente scioccato dalla tragedia di Bhopal e comincia immediatamente a documentarne l’orrore. Le sue foto racconteranno a tutto il mondo il trauma di una società costretta a pagare le colpe di altri. Alcuni giorni più tardi Raghu Rai pubblica lo scatto “Sepoltura di un bambino sconosciuto”. Questa fotografia, così dura, diviene in poco tempo un’icona della tragedia di Bhopal (la foto qui pubblicata).

http://www.greenpeace.it/bhopal/foto.php

http://www.greenpeace.it/bhopal/mostra.php

Per saperne di più, un bellissimo libro MEZZANOTTE E CINQUE A BHOPAL– Dominique LAPIERRE.

(vieni a trovare PASSOININDIA su facebook)


43 thoughts on “La tragedia di Bhopal.

  1. accantoalcamino scrive:

    Ciao, non metto il “mi piace” perchè mi sembra fuori luogo…sono triste, davvero, cosa sarà di noi?😦

  2. bortocal scrive:

    ciao.

    conosci Animal, lo straordinario romanzo di Indra Sinha, ispirato a Bhopal?

  3. Silvia scrive:

    Bisogna sempre parlare di queste cose, sono delle vere e proprie tragedie che non si devono più ripetere…..

    • passoinindia scrive:

      E che questo è solo un sunto di cronaca,; se poi entriamo nelle singole realtà familiari (tutto intorno c’erano migliaia di famiglie povere che vivevano negli slum e che credevano di essere stati fortunati a trovare un lavoro in quella bella fabbrica…

  4. spaziocorrente scrive:

    Una fotografia che lascia rabbia e dolore perchè non appartiene solo al passato ma a tutti quei soprusi e omicidi a danno dell’ambiente, e quindi dell’uomo, perpetrati al giorno d’oggi.
    Eppure di fronte a questi colossi imprenditoriali ci si sente disarmati.
    Eppure se solo capissimo la forza che potrebbe avere un’unione di tanti piccoli, qualcosa potrebbe cambiare. Ma finchè riescono a dividerci, molti tentativi risultano vani.
    Ciao

  5. Mi ricordo di Bhopal: il padre di una mia compagna di classe all’epoca lavorarava in India, nel nord, e arrivata la notizia ci preoccupammo. Evidentemente, non era in quella zona perché a lui non successe nulla.
    Mi ricordo che riaprì la ferita di Seveso (senza morti, ma tanti malati).
    Hai fatto bene a parlarne: in quasi trent’anni, giustizia non è stata fatta, l’industria chimica prospera e chi ha subìto conseguenze si arrangia.
    Vandana Shiva dovrebbe essere più ascoltata.
    Le multinazionali dovrebbero essere tenute d’occhio da vicino, da molto vicino.

  6. tachimio scrive:

    Un racconto ,unito a a questa foto veramente drammatica, atroce. Isabella

  7. Marco scrive:

    Ricordo bene quella tragedia, una cosa sconvolgente. Purtroppo l’uomo farà sempre del male ai suoi simili, su questo non dobbiamo avere dubbi. Basta guardare cosa succede all’Ilva di Taranto per capire che saremo sempre alla mercè di gente senza scrupoli. In questo sono pessimista: la storia non ci insegna niente, gli errori del passato sono lì pronti ad essere reiterati. Complimenti a te e al blog. Continua così. Comunque sperare non costa nulla. Buona domenica.

  8. giò scrive:

    Una tragedia che non bisogna dimenticare!Ma è necessario credere,che prima o poi gli uomini mettano al primo posto il rispetto per la vita e non il profitto…altrimenti andare avanti è impossibile…intanto ricordare è doveroso,Giò

  9. Vanni scrive:

    Tempo fà ho letto “Mezzanotte e cinque a Bhopal” di Dominique Lapierre, il libro è veramente struggente e stupendo pieno di amore e coraggio dei piccoli e grandi eroi che si sono trovati in quella tragedia.
    L’orrore più grande è che in queste situazioni è che non ci sono mai i responsabili e che fino ad ora nessuno ha pagato per questo dramma.
    Come al solito sono i poveri che pagano sempre per tutti.

    • passoinindia scrive:

      L’ho letto anche io ed è davvero commovente e ti fa anche un po’ incazzare, cosa che di questi tempi succede poco; intendo dire che siamo diventati tutti così apatici e avvezzi che anche la rabbia sembra essere diventata un lusso.UN saluto.

      • Vanni scrive:

        Visto che il tuo è un blog sull’India consiglierei di leggere assolutamente un’altro libro stupendo di Dominique Lapierre, “La città della gioia” un narrazione toccante e commuovente.
        Un libro ambientato nella bidonville di Calcutta dove un medico nordamericano vive in un lebbrosario, chiamato appunto la città della gioia.
        E’ un libro che ci racconta come spesso il popolo indiano viva in condizioni limite ma racconta anche la gioia e speranza e lo straordinario attaccamento alla vita di queste persone.
        un saluto Vanni

      • passoinindia scrive:

        Si, Vanni, l’ho letto tanto tempo fa e ne ho ancora un vivido ricordo.Un libro bellissimo che racconta di un’India vera. E l’ho letto prima di questo mio innamoramento per questo Paese. Tra l’altro LaPiERRE è impegnato in campagne di beneficienza e molto dei suoi guadagni vengono devoluti per i poveri. Grazie Vanni. Un saluto.

      • Vanni scrive:

        Per completezza di informazione:
        http://www.citedelajoie.com/index.php3
        ciao, buona giornata

      • passoinindia scrive:

        l’ho visto e ti ringrazio.

  10. grazie per il ricordo..condivido

  11. stephymafy scrive:

    Reblogged this on Un Blog un po' così and commented:
    ……senza parole……

  12. la foto rende proprio l’idea della tragedia

  13. Diemme scrive:

    Reblogged this on Scelti per voi and commented:
    Senza parole. 😥

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...