L’invincibile forte di Gwalior.

o3

Ho potuto godere delle bellezze di Gwalior quando, anni fa, presi, proprio lì, la certificazione di guida turistica in lingua italiana. Gwalior, nello stato del Madhya Pradesh, India centrale, è conosciuta come città antica. Il suo nome deriva da quello del santo Galava, che, secondo la leggenda, avrebbe curato il Re Rajput di Gwalior Suraj Sen dalla lebbra. Tra gli altri monumenti storici di questa città, spicca, imponente, il conico forte di Gwalior, costruito su una collinetta accanto al quale scorre il piccolo fiume Swarnrekha. Intorno, rocce color dell’ocra e rocce di basalto che formano un precipizio.

dettagli forte

Il Forte, lungo circa due chilometri e mezzo, è considerato il più bello di tutta l’lndia. Il primo Imperatore Mughul Babur lo discrisse come “La perla nella collana dei forti dell’India”. Una bellissima definizione.

Il forte di Gwalior racchiude tre templi, sei palazzi e numerosi serbatoi d’acqua. In passato era considerato come la fortezza inespugnabile del Nord e dell’ India centrale.

gwalior fort

Questo forte, secondo gli esperti, è dell’ VIII secolo. Il forte contiene il Gurjari Mahal, oggi museo, che il sovrano della dinastia Tomar, Raja Man Singh (1486-1516), che amava, oltre la musica, l’architettura, fece realizzare nel XV secolo per la sua regina Mrignayani; nel forte vi è anche il palazzo Man Mandiril volto più noto del forte, nato durante i primi tempi della dominazione Tomar, che fu costruito dal rajput Man Singh (1550-1614) nel XV° secolo; fu proprio qui che l’ambizioso re moghul Aurangzeb (1618-1707) (il figlio di Shah Jahan che costrui il Taj Mahal), imprigionò e fece uccidere suo fratello Murad. Nel forte c’è anche il Jauhar Kund, dove le donne dell’harem si bruciarono a morte dopo la sconfitta del re di Gwalior nel 1232, per non cadere nelle mani del nemico, usanza non infrequente all’epoca, come puoi leggere qui

https://passoinindia.wordpress.com/2014/10/12/la-storia-della-regina-padmini-di-chittor/

Il Teli-ka-Mandir, è il più famoso dei templi indu nel forte, con il suo esterno riccamente scolpito.

Teli_Ka_Mandir,

I nomi dei sovrani che vi hanno risieduto sono incisi nelle sette porte del forte ove anche sono rappresentate figure mitologiche. Varie dinastie hanno infatti posseduto il forte che, come abbiamo visto, passò persino nelle mani degli inglesi per poi andare ai Scindias, una clan nobile di Gwalior che la governò fino all’indipendenza dell’India dal Regno Unito nel 1947.

alto gwalior

Il forte è testimone di molti eventi che hanno segnato la storia dell’India come la sconfitta, da parte degli inglesi, di Tantia Topi, capo della ribellione avvenuta contro il governo britannico tra il 1857 ed il 1858, quando, invece, il Maharaja scindias Jayajirao rimase fedele agli inglesi. Fu a Gwalior che la Rani (regina) di Jhansi, nel 1858, cadde in battaglia mentre combatteva a cavallo contro gli inglesi, come vi abbiamo raccontato precedentemente qui 

https://passoinindia.wordpress.com/tag/jhansi/.

zero

Sulle pareti di un tempio a Gwalior è possibile trovare la più antica rappresentazione conosciuta del simbolo dello zero, il cerchio che è stato inventato proprio in India, ma questa è un’altra storia.

testo PASSOININDIA

vieni a trovarci su Facebook con altre notizie!

13 thoughts on “L’invincibile forte di Gwalior.

  1. bortocal scrive:

    grande, grandissima, stupenda Gwalior.

    e non solo il forte, ma anche la citta`.

  2. passoinindia scrive:

    Ciao borto! Vero che é bellissima?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...