No violence against women

GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE.

Farò della mia anima uno scrigno per la tua anima, del mio cuore una dimora per la tua bellezza, del mio petto un sepolcro per le tue pene. Ti amerò come le praterie amano la primavera, e vivrò in te la vita di un fiore sotto i raggi del sole. Canterò il tuo nome come la valle canta l’eco delle campane; ascolterò il linguaggio della tua anima come la spiaggia ascolta la storia delle onde.

KAHLIL GIBRAN (scrittore e poeta indiano)

 

Tempo per dimenticare il tempo

In oriente si fa tutto con calma, con quell’equilibrio di cui si è perduto in occidente persino il ricordo; noi corriamo e ci manca il fiato, essi hanno il tempo per dimenticare il tempo, è il segreto per vivere ancora con se stessi, la meravigliosa facoltà che permette di restare in bilico tra noi e gli altri, tra il concreto e l’astratto.”

(Giuseppe Tucci 1894 – 1984) orientalista, esploratore, storico delle religioni e buddhologo italiano. Autore di circa 360 pubblicazioni, tra articoli scientifici, libri ed opere divulgative, condusse diverse spedizioni archeologiche in Tibet, India, Afghanistan ed Iran. Durante la sua vita, era unanimemente considerato il più grande tibetologo del mondo. Nel 1933 fondò assieme a Giovanni Gentile l’Istituto italiano per il Medio ed Estremo Oriente di Roma.

Raghubir_Singh

Foto di Raghubir Singh famoso fotografo indiano (1942-1999)

L’uomo che ha costruito un piccolo Taj Mahal

Faizul Hasan Qadri, pensionato di 83 anni, di Kaser Kalan, nello Stato di Uttar Pradesh, ha ceduto alle ferite dopo un investimento stradale, qualche giorno fa. Quest’uomo è diventato famoso per aver costruito una replica del Taj Mahal adiacente alla sua casa nel villaggio, in memoria della defunta moglie,  e per aver donato la sua terra per la costruzione di una scuola statale per ragazze che ora è completamente terminata.

La moglie di Qadri Tajamulli Begum era morta a causa di un cancro alla gola nel dicembre del 2011. I due si sposarono nel 1953. La coppia non aveva figli. Qadri aveva iniziato  la costruzione di una replica del Taj Mahal dopo la morte della moglie che ha seppellito all’interno della struttura lasciando uno spazio accanto alla sua tomba per lui stesso quando sarebbe morto. Il suo sogno, tuttavia, si era fermato a febbraio 2014 quando Qadri aveva esauríto  le finanze, promettendo però che avrebbe completato la struttura con ciò che sarebbe riuscito a risparmiare. 
Nell’agosto 2015 Qadri, chiamato dall’ex primo ministro UP Akhilesh Yadav a Lucknow, aveva gentilmente rifiutato l’assistenza finanziaria che Yadav gli aveva offerto per il completamento della costruzione. Aveva richiesto invece la realizzazione di un college per ragazze gestito dal governo per il quale in seguito aveva donato la sua terra. La scuola è ora completata. “Aveva risparmiato quasi due lakh di Rs. e stava per venire con me a Jaipur per l’acquisto del marmo per il suo mini Taj Mahal affinché assomigliasse ancor più a quello originale di Agra “, ha detto Aslam, il nipote.
Per la costruzione, Qadri aveva venduto un pezzo della sua terra agricola oltre ai gioielli in oro e argento della moglie e aveva iniziato a lavorare con l’aiuto di un muratore locale. “La struttura è costruita sulla mia terra e ho cercato di piantare alcuni alberi intorno ad essa e di avere un piccolo corpo idrico nella sua parte posteriore. Tuttavia, il lavoro è stato in gran parte bloccato a causa delle finanze essendo i costi del marmo alti. Un certo numero di persone mi ha offerto denaro, ma mi sono rifiutato di accettarlo fino ad ora. Questo è il mio impegno personale per la mia defunta moglie e incarna il mio amore per lei. Quindi dovrei farlo da solo “, aveva detto Qadri ad Hindustan Times durante un visita nell’ agosto 2015.
Ora, il nipote di Qadri è desideroso di esaudire i desideri di suo zio e ha dichiarato che lo seppellirà accanto a sua moglie e terminerà, con il marmo, il piccolo Taj Mahal. “

Immagine Hindustan Times

Storia tratta da https://m.hindustantimes.com/delhi-news/man-who-built-mini-taj-mahal-for-wife-dies-in-road-accident/story-Zgnl0nFHKemsCRx94pD2sI.html

 

HAPPY DIWALI A TUTTI!

Significato del Diwali.

Dall’oscurità alla luce, dall’ignoranza alla conoscenza, dall’infelicità alla beatitudine, questo è davvero il messaggio vero e profondo che il festival di Diwali porta ogni anno con le sue gioiose celebrazioni. Il festival di Diwali è il festival più celebrato e tanto atteso che ispira le persone a credere nel potere del bene. Diwali è annunciato come uno dei festival più significativi degli indù ed è celebrato in tutta l’India e in tutto il mondo. Gli indù del nord celebrano principalmente questo festival per commemorare la leggenda del ritorno di Lord Rama nel Regno di Ayodhya dopo un esilio di 14 anni mentre nel Sud, è celebrato per ricordare la sconfitta di un demone chiamato Narakasura per mano del Signore Krishna . Tuttavia, il festival delle luci ha un grande significato anche in altre religioni, che includono il Sikhismo e il Giainismo, anche se per ragioni diverse. Questo articolo esplora il profondo significato di Diwali nel contesto di varie fedi e sistemi di credenze.


Significato spirituale nell’Induismo.
Il festival delle luci, Diwali è la speranza e ispira tutti ad accendere una candela piuttosto che maledire l’oscurità. Diwali non riguarda solo l’illuminazione esterna, ma promuove la consapevolezza della luce interiore che è il nucleo di ogni essere umano. La spiritualità è la vera essenza dell’Induismo e profetizza che una persona non è solo un corpo o una mente ma qualcosa al di là di essa – una fonte di energia pura, potente ed eterna, chiamata Atman. Diwali è la celebrazione della realizzazione di questa luce interiore, che ha il potere di mostrare la via della rettitudine anche nei momenti più bui dei tempi. Il risveglio del vero sé, Atman, introduce ciascuno alla pace immensa, alla compassione universale, all’amore e alla consapevolezza dell’unità di tutte le cose (conoscenza superiore). Questo è uno stato di vera felicità che Diwali commemora. Le storie e le leggende su questo festival possono cambiare da regione a regione, ma questa essenza sottostante rimane la stessa.

Importanza nel Giainismo.
Diwali è un’occasione molto speciale per il popolo della comunità Jain, come il Natale è per i cristiani o il Buddha Purnima è per i buddisti. Secondo la storia e le scritture jainiste, Lord Mahavira, l’ultimo dei Jain Tirthankaras, fondatore del Giainismo, raggiunse il Nirvana o Moksha nel giorno di Diwali a Pavapuri il 15 ottobre 527 aC. Si ritiene che, oltre al divino Signore stesso, il suo discepolo più devoto, Ganadhara Gautam Swami abbia raggiunto l’illuminazione (Kevalgyana) in questo giorno. Questo rende Diwali uno dei festival più significativi per i Jain. Le celebrazioni Jain di Diwali sono lontane dalla stravaganza ed infatti la comunità ascetica Jain celebra Diwali per tre giorni durante il mese di Kartik. Gli Shvetambara, discepoli di una delle maggiori correnti del giainismo, meditano e leggono ad alta voce gli insegnamenti di Lord Mahavira, nel Sutra Uttaradhyayan, l’ultimo insegnamento che diede prima della sua liberazione. Nel jainismo, la liberazione o moksha o nirvana è il più alto e il più nobile obiettivo è l’unico che una persona dovrebbe avere; altri obiettivi sono contrari alla vera natura dell’anima. Con la giusta visione, conoscenza e sforzi, tutte le anime possono raggiungere questo stato. Si dice che un’anima liberata (siddha) raggiunga la sua vera natura incontaminata di beatitudine, conoscenza e percezione infinite, liberandosi dal ciclo di nascita e morte dopo la distruzione di tutti i legami karmici. Questo è il motivo per cui il Giainismo è anche conosciuto come mokṣamārga o “via della liberazione. Durante il Diwali, molti jainisti fanno un pellegrinaggio a Pavapuri, nel Bihar, dove Mahavira raggiunge il Nirvana.

Importanza nel Sikhismo.
Nel Sikhismo, Diwali è considerato un giorno molto importante, in quanto molti eventi significativi della storia dei Sikh sono associati ad esso. I sikh celebrano Diwali in grande stile e il giorno viene anche chiamato “Bandi Chhorh Diwas”, che rappresenta il “giorno della liberazione dei detenuti”. In questo giorno del 1619, il sesto guru, Guru Hargobind Ji, insieme a 52 altri principi, fu rilasciato dal forte di Gwalior, dove tutti furono imprigionati per ordine dell’imperatore Mughal Jahangir. La comunità sikh si rallegrò per l’occasione illuminando il Tempio d’oro.
Un altro evento significativo che sottolinea l’importanza di Diwali per i sikh è il martirio di Bhai Mani Singh ji. In questo giorno, sacrificò la sua vita per proteggere la comunità sikh dal genocidio per mano dei Moghul nel 1737, cancellando le celebrazioni di Diwali al Tempio d’oro. Infatti nel 1737 ca., Bhai Mani Singh chiese al governatore di Lahore, viceré dell’impero moghul, il permesso di tenere il festival Diwali per celebrare il Divas Bandi Chhor presso l’Harmandir Sahib o tempio d’oro. Gli fu concesso per Rs. 5.000, quale tassa religiosa di jizya, imposta dai moghul ai non musulmani, che Bhai Mani Singh avrebbe raccolto come offerte dai Sikh che sarebbero venuti al tempio. Il Governatore ordinò invece ai militari di attaccare a sorpresa i Sikh durante il festival. Bhai Mani Singh ne venne a conoscenza e comunicò ai sikh di non andare al tempio d’oro. Non gli fu così possibile pagare il denaro ai Mughal che gli ordinarono di convertirsi all’Islam. Rifiutando di rinunciare alle sue convinzioni, venne giustiziato  per smembramento. La sua morte spinse i sikh a lottare per la libertà dall’oppressione moghul.

Quindi HAPPY DIWALI!

By PI

Altri articoli di interesse correlati

https://www.passoinindia.com/la-festa-di-diwali

https://www.passoinindia.com/la-festa-delle-luci-il-diwali-festival

https://passoinindia.wordpress.com/2013/11/03/la-festa-di-diwali/

https://passoinindia.wordpress.com/2015/11/12/ecco-come-ci-si-e-preparati-al-diwali/

https://www.passoinindia.com/single-post/2018/05/12/Senza-Titolo

https://www.passoinindia.com/single-post/2017/01/05/Una-visita-al-Tempio-doro-di-Amritsar