La signora del latte

La donna nella foto un po’ sgranata indossa un impermeabile viola sbiadito, porta un secchio vuoto appoggiato alla vita, dà le spalle all’obiettivo. Non si può dire se è giovane o vecchia, ma si vede che sta camminando tra un gruppo di case. Davanti a lei, sulla strada allagata, ci sono un paio di auto e moto, ancora sommerse. I cerchi dell’acqua, causati dal suo andare, suggeriscono un movimento lento e misurato, come se lei stesse compiendo la sua missione senza fretta. Non piove più. E non c’è altro essere umano visibile nella foto. Eppure, la notte prima aveva piovuto incessantemente, tanto come non accadeva a Chennai da oltre un secolo. La persona che ha scattato la foto, Padma Ramani, era a trovare una nipote nel condominio di Srividhya, quando ha guardato fuori dalla finestra e ha visto la donna che stava facendo il suo giro di consegne del latte, come sempre faceva ogni giorno alle sei della mattina.

La nipote di Ramani, Ramanathan S, che lavora con il sito web del notiziario La Minute News, conosceva questa donna e ha così caricato la foto su Twitter. Di certo non si aspettava che sui media indiani sarebbe diventata l’immagine simbolo delle inondazioni di Chennai.

Quando Ramanathan andò, pochi giorni dopo, ad intervistare Radha, la ormai famosa ‘milk-lady’, la signora del latte, la donna, di 60 anni, fu sorpresa di vederla. Raccontò che il giorno della foto, si era svegliata alle 4 del mattino, come faceva ogni mattina, aveva raggiunto la cooperativa del latte, per raccoglierlo e quindi si era incamminata per assolvere alle sue responsabilità di consegna. “Tanta gente dipende da me, come avrei potuto non andare?» disse Radha. I figli di Radha, si scopre, hanno buoni posti di lavoro e lei non avrebbe bisogno di lavorare. Ma per lei la cooperativa del latte “non è solo un lavoro”. “Lo farò finché il mio corpo lo permette”, ha detto.

Quel giorno Radha non era costretta ad andare al lavoro. Nessuno l’avrebbe rimproverata per non essersi presentata un giorno in cui il latte veniva venduto sul mercato nero per Rs 100 al litro (-mediamente un litro di latte in India costa 40 rupie-). Questo la dice lunga sulla sua etica e sul patto morale che ha fatto con i suoi clienti.

Questa storia insegna che ogni volta che si è testimoni di un piccolo grande gesto, esso dovrebbe essere raccontato, anche se non c’è grande eroismo da mostrare e nessuna vita viene salvata. Pare che altre 15 donne della stessa cooperativa siano andate al lavoro quella mattina. E, tuttavia, questi “piccoli” gesti sembrano essere diventati così rari che, quando succedono, sentiamo di dovercisi aggrapparsi come un simbolo, per ricordarci della nostra umanità.

La mattina successiva ad un disastro, c’è la speranza che gli esseri umani diventino migliori. Quella mattina, dopo il disastro, innumerevoli residenti di Chennai hanno inviato pacchi di soccorso, preparato pasti cucinati in casa, e persino salvato animali spiaggiati. In un momento in cui l’interesse è strumentale al nostro successo personale e insegniamo ai nostri figli che l’ambizione è buona cosa, abbiamo bisogno di ricordare che anche l’altruismo è una virtù e che come cittadini abbiamo dei doveri.

A volte ci vuole una fotografia accidentalmente scattata la mattina presto in mezzo alla devastazione per ricordarci di essere migliori.

Libera traduzione di un articolo pubblicato due giorni fa sull’ Hindustan Times, quotidiano indiano

http://www.hindustantimes.com/columns/a-tale-worth-retelling-story-of-a-selfless-chennai-milk-lady/story-YlR9KDTEnbTB465qkI2PUJ.html

foto di copertina tratta dallo stesso sito

Il regno delle donne

Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

passoinindia

711039_236734666460182_1169789577_n

Il regno delle donne 

C’è un regno tutto tuo
che abito la notte
e le donne che stanno lì con te
son tante, amica mia,
sono enigmi di dolore
che noi uomini non scioglieremo mai.
Come bruciano le lacrime
come sembrano infinite
nessuno vede le ferite
che portate dentro voi.
Nella pioggia di Dio
qualche volta si annega
ma si puliscono i ricordi
prima che sia troppo tardi.

Guarda il sole quando scende
ed accende d’oro e porpora il mare
lo splendore è in voi
non svanisce mai
perché sapete che può ritornare il sole.
E se passa il temporale
siete giunchi ed il vento vi piega
ancor più forti voi delle querce e poi
anche il male non può farvi del male.

Una stampella d’oro
per arrivare al cielo
le donne inseguono l’amore.
Qualche volta, amica mia,
ti sembra quasi di volare
ma gli uomini non sono angeli.
Voi…

View original post 97 altre parole

Una storia popolare.

Una signora conosceva una storia. Sapeva anche una canzone. Ma lei li teneva per sé, mai aveva raccontato a qualcuno quella storia o cantato quella canzone. Imprigionate dentro di lei, la storia e la canzone si sentivano soffocare. Volevano essere liberate, volevano scappare. Un giorno, mentre la donna dormiva con la bocca aperta, la storia scappò, prese la forma di un paio di scarpe e si mise fuori dalla casa. Anche la canzone fuggì e diventò un cappotto da uomo, e si appese ad un gancio. Il marito della donna tornò a casa , guardò il cappotto e le scarpe, e le chiese: ” Chi è in visita da noi ? ”
“Nessuno”, disse la donna.” Ma di chi sono questo cappotto e queste scarpe? “Non lo so », rispose lei. Ma l’uomo non fu soddisfatto della risposta della moglie e divenne sospettoso. Parlarono tra loro con astio e litigarono. Il marito andò su tutte le furie, raccolse la coperta, e andò a dormire al tempio. La donna non capiva cosa stava succedendo e quella notte si sdraiò sola, chiedendosi di chi fossero cappotto e scarpe. Mise fuori la lampada e andò a dormire.
Tutte le fiamme della lampada della città, una volta messe fuori, si radunarono al tempio per trascorrere lì la notte e spettegolare. Solo una delle luci era arrivata in ritardo spiegando del litigio fino a tarda notte tra moglie e marito.” Perché litigano?” venne chiesto alla lampada. La luce disse:”Quando il marito non era in casa, un paio di scarpe arrivò sulla veranda e un cappotto di un uomo sull’attaccapanni. Il marito chiese alla donna di chi fossero ma lei disse di non saperlo. Così hanno litigato. “Da dove vengono il cappotto e le scarpe ?”. La fiamma rispose: “la padrona di casa nostra conosce una storia e una canzone. Ma mai ha raccontato la storia o cantato la canzone a qualcuno. La storia e la canzone erano soffocate dentro di lei, così sono uscite e si sono trasformate in un cappotto e un paio di scarpe. Si sono vendicate ma la donna non lo sa.”

Il marito , che si trovava a dormire nel tempio, udì la spiegazione della lampada che fugò tutti i suoi sospetti. Quando tornò a casa era ormai l’alba. Chiese alla moglie di raccontargli una storia e di cantargli una canzone. Ma lei li aveva dimenticati.

(storia popolare).

Visitaci su Facebook

https://www.facebook.com/Passoinindia-1386734881558674/

e al sito www.passoinindia.com

(immagine dal web)

Il valore di un sorriso (P. Faber)

12027530_1688732148025611_572436790487110220_n

Il valore di un sorriso (P. Faber)
Donare un sorriso
Rende felice il cuore.
Arricchisce chi lo riceve
Senza impoverire chi lo dona.
Non dura che un istante,
Ma il suo ricordo rimane a lungo.
Nessuno è così ricco
Da poterne fare a meno
Né così povero da non poterlo donare.
Il sorriso crea gioia in famiglia,
Da sostegno nel lavoro
Ed segno tangibile di amicizia.
Un sorriso dona sollievo a chi è stanco,
Rinnova il coraggio nelle prove,
E nella tristezza è medicina.
E poi se incontri chi non te lo offre,
Sii generoso e porgigli il tuo:
Nessuno ha tanto bisogno di un sorriso
Come colui che non sa darlo.

Credo in un bacio all’atmosfera.

Credo in un bacio all’atmosfera..

 

hakmwdidwqkobig

dal sito PINOCCHIO NON C’E’ PIU’    pinocchiononcepiu.com

Credo a quelli che parlano guardandomi negli occhi, a quelli che mi ascoltano tenendo lo sguardo fisso nel mio. Perché non hanno niente da nascondere. E se rimaniamo in silenzio, allora credo negli occhi.

Credo alle mani che si sfiorano, si stringono, si intrecciano, a quei gesti che descrivono un’emozione. E se le strette di mano sono sincere, allora credo nelle strette di mano.

Non credo a chi proclama verità assolute e indiscutibili, a chi gioca con i “per sempre”. Non credo a chi non ha mai un dubbio. E se le incertezze creano scompiglio, allora credo alle incertezze.

Credo a Stefano Cucchi, Federico Aldrovandi, Gabriele Sandri, Giuseppe Uva, Michele Ferrulli, Stefano Brunetti, Riccardo Rasman e a tutti quelli che non hanno potuto dare la loro versione. Perché forse non avevano ragione, forse avevano commesso degli errori, forse avrebbero dovuto pagare il loro debito. Forse. Sicuramente non doveva finire così. Sicuramente.

Credo a quelli che riescono a perdonare, ma non sono disposti a cedere. A quelli che capiscono ma si rifiutano di fare la parte del martire. Credo alle donne che dopo il primo schiaffo non porgono l’altra guancia. Ma credo anche a quelle che non hanno la forza di dire “basta”, che proprio non ce la fanno a scalare certi muri. E se certe paure ti strappano l’anima, allora credo in certe paure.

Non credo agli sconti di pena, alla vita facile, a chi predica l’umiltà mentre mangia caviale. Non credo alle discese, all’assenza di ostacoli, a chi non suda mai e a chi non ha mai porte da dover aprire. E se certe delusioni ti fanno crescere davvero, allora credo in certe delusioni.

Credo in Marco e Andrea che si baciano sulla panchina all’ombra del salice piangente, credo in Anna ed Eleonora che si tengono per mano nelle vie del centro e guardano le vetrine in cerca di un piumone per il loro letto. E se certi amori non hanno bisogno di clamore e ostentazione, allora credo in certi amori.

Credo a chi si sente a disagio, dopo aver visto qualcuno andare alla deriva, a chi non riesce a perdonarsi del tutto, a chi si rigira nel letto, con un unico, grande, incolmabile rimorso: non averlo difeso abbastanza. E se la forza nasce dal perdono, allora credo nel perdono.

Credo a certi “no”, quelli che non ammettono equivoci, che non si possono fraintendere. I “no” detti con la camicetta sbottonata e le mani a tenersi su le calze, ecco, quei “no” lì non hanno altri significati e non ci sono scuse, nessuna scusa che possa ignorare quel rifiuto. Non credo a chi se ne frega di quel rifiuto e continua a far salire la mano sotto la gonna. E se certe parole hanno un unico significato, allora credo nel significato delle parole. E di chi le pronuncia.

Credo a certe strofe, non credo sempre in chi le canta. Ma se la musica ha la forza di farmi emozionare ancora, allora credo nella forza della musica. Sempre. E comunque.

Credo in chi non ce la fa, in chi arranca, in chi si è fermato e non ha la forza di chiedere aiuto, ma lo implora con certi sospiri, certi sguardi e certe lacrime mascherate dai sorrisi. Quelli che vorrebbero solo stare in questo mondo, come fossero satelliti che cercano di arrivare al suolo, ma scendono dallo spazio con traiettorie azzardate e finiscono per dare un bacio all’atmosfera. E se le parole non dette fanno un rumore assordante, allora credo nelle parole non dette. E a chi non le dice.

Credo in un dio, uno di quelli di cui non parla nessuno, di quelli che vengono al pub con me e si fanno pagare da bere. Uno di quelli che non ha la fila di gente che si fa viva quando se lo ricorda, solo quando hanno bisogno di qualcosa, pronti a scambiare una manciata di desideri esauditi con promesse solenni di pentimento e devozione. Come se quel dio se ne facesse poi qualcosa di quel baratto. E se c’è un qualche dio che se ne frega delle preghiere e degli atti di fede, allora io credo in quel dio.

Non credo agli eroi, a chi fa la scaletta dei valori, a chi mi dice cosa fare o non fare, a chi mi chiede “come stai?” e non sta a sentire la risposta. Credo a chi non ha risposte, ma continua a farsi domande. E se le risposte non date mi fanno cercare percorsi alternativi, allora credo alle risposte non date.

Credo nelle mie debolezze, nelle mie tendenze che faccio una fatica infernale a debellare, ma ci devo provare. Non credo nei giorni in cui faccio promesse solenni, quelle che mantengo meno di una settimana per poi tornare stronzo come prima. Ma se anche uno solo dei miei giorni sbagliati servisse a crearne uno migliore, allora credo nei miei giorni sbagliati.

Credo in tutti quelli che stanno cercando qualcosa e lo cercanno da così tanto tempo che non sanno più neanche cosa sia. Sanno soltanto che vogliono continuare a cercarlo. E se le cose che non riesco a trovare sono quelle che mi fanno andare avanti, allora credo nelle cose che non riesco a trovare.

Credo in quelli che si baciano, mettendosi le mani fra i capelli e chiudono gli occhi e quando si allontanano hanno i pensieri profumati. Credo a quelli che mentre camminano sorridono senza un motivo apparente. Ma, loro, un motivo, ce l’hanno davvero. E se certi pensieri mi fanno arrossire, allora credo in certi pensieri. E al loro profumo.

Credo a quelli che si siedono sui muri a contemplare la facciata di un palazzo e sospirano e si accendono una sigaretta e se ti avvicini e chiedi cosa stiano guardando rispondono: il mare. E se certi orizzonti ti rendono libero, allora credo in certi orizzonti.

Credo che la risposta sia “Vita”. La domanda ha poca importanza.

“Non aver paura della vita. Credi invece che la vita sia davvero degna d’essere vissuta, e il tuo crederci aiuterà a rendere ciò una verità.” (William James).

Perché, nonostante tutto, continuo a credere in qualcosa (I believe – Christina Perri).