Homeless

foto by Hindustantimes – Homeless boys | The homeless in Delhi | Photos India | – hindustantimes.com.

Everyone has the right to a standard of living adequate for the health and well-being of himself and of his family, including food, clothing, housing and medical care and necessary social services, and the right to security in the event of unemployment, sickness, disability, widowhood, old age or other lack of livelihood in circumstances beyond his control.” – Universal Declaration of Human Rights, article 25, par.1

“Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all’alimentazione, al vestiario, all’abitazione e alle cure mediche e ai servizi sociali necessari, ed ha diritto alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia , invalidità, vedovanza, vecchiaia o in altro caso di perdita dei mezzi di sussistenza per circostanze indipendenti dalla sua volontà. “- Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, articolo 25, par. 1

La casa è un bisogno umano fondamentale che ancora oggi molti nel mondo non vedono soddisfatto. Sono grandi e bambini che vivono dove possono a causa della loro povertà. Spesso sula strada ci sono tre generazioni in cui nessun componente della famiglia ha evidentemente potuto cambiare la sua sorte. Si diventa (o si nasce homeless) per vari motivi tra cui il primo che viene ovvio pensare è la mancanza di un lavoro; eppure ci sono molte altre cause; le donne divorziate che si trovano in difficoltà economiche, i bambini (e quelle stesse donne) fuggiti da mani violente e abusi sessuali, i malati di mente de-istituzionalizzati e gli anziani diventati un peso per i figli. Anche le cause naturali (monsoni, tsunami ecc.) fanno la loro parte nel privare di un tetto le famiglie. L’esperienza dei senzatetto inibisce la forza fisica, emotiva, lo sviluppo cognitivo, sociale e comportamentale soprattutto dei bambini. Le difficoltà incontrate dai bambini di strada includono depressione, bassa autostima, la mancanza di sonno, denutrizione e sentimenti di vergogna e di imbarazzo. Costretti a lavorare per poche rupie come straccivendoli, venditori ambulanti, tintori, raccoglitori di legna, quando non sono costretti a prostituirsi. Un lavoro comune dei bambini di strada è il rag-picking, in cui ragazzi e ragazze giovanissimi si gettano tra la spazzatura, al fine di raccogliere materiale riciclabile.