BHUTAN I segreti della felicità

La felicità è una delle prime cose che I viaggiatori ricercano quando iniziano un viaggio per fuggire dalla frenesia del quotidiano. Il Bhutan potrebbe essere la soluzione migliore per questa ricerca. A seguire alcune ragioni che spiegano il perchè:

  1. FELICITÀ NAZIONALE LORDA.

In questo remoto e piccolo regno situato tra l’india e la regione autonoma del Tibet, la felicità nazionale lorda piuttosto che il prodotto interno lordo, è ciò che viene preso come metro per misurare lo sviluppo del paese. Secondo quanto detto dal quinto re del Bhutan, la felicità nazionale lorda è il ponte di congiunzione tra i valori fondamentali di rispetto, uguaglianza, umanità e dimostra uno sviluppo virtuoso, misurando il progresso del paese in una visione olistica. Questo concetto aiuta le persone a vivere in armonia con la natura, a realizzare le proprie predisposizioni e a nutrire la brillante e vera capacità della propria mente.

  1. PURIFICA LA MENTE

“Guardare alle bellezze che offre la natura è il primo passo per purificare la mente” secondo quanto detto da Amit Ray, maestro spirituale illuminato dell’india. Il popolo del Bhutan vive in una terra spettacolare, per il 60% coperta da terre incontaminate e ovunque  volgiate lo sguardo potrete ammirare lo spettacolo della madre terra che aiuta a purificare e pacificare la mente. Secondo una ricerca, circa i 2/3 dei bhutanesi dormono almeno 8 ore al giorno e questo li aiuta a vivere con serenità e ad affrontare I problemi con calma. È infatti statisticamente provato che dormire aiuta a mantenere una buona salute e un buon livello di felicità mantenendo freschi mente, corpo e anima.

  1. LASCIA CHE SIA LA NATURA A GUIDARTI

La protezione dell’ambiente è uno dei quattro pilastri nella valutazione della Felicità Nazionale Lorda. I bhutanesi vivono in perfetta simbiosi con la natura e ciò rende questo posto tra i dieci posti con la più alta biodiversità del mondo. La natura è rigorosamente salvaguardata, incontaminata e mantenuta allo stato primitivo. Fatevi guidare da madre natura e preparatevi a scalare le montagne più alte del mondo per cogliere il primissimo glorioso salute del sole; a passeggiare tra le foreste selvagge per rinfrescare lo spirito; ad ammirare i fiori nella loro fioritura colorata e a guardare le stelle che illuminano l’oscurità e lasciate che risplendano anche nella vostra immaginazione.  “In ogni passo con la natura si ottiene sempre più di quello che si sta cercando”.

  1. MENO È PIÙ

I bhutanesi apprendono la felicità e come trovarla e portarla nella propria vita, sin da molto piccoli, anche a scuola si tengono infatti lezioni di felicità. La vita qui è semplice ma felice. I bambini giocano con quello che la natura offre loro: fango, erba, legnetti e se qualcosa si rompe o si perde non c’è bisogno di preoccuparsi, basta ricominciare a creare e tutto si risolve, questo ovviamente annienta la concezione di possesso e di proprietà molto diffusa nei paesi occidentali. Anche gli adulti vivono semplicemente la loro vita, senza televisione, radio o internet. Questo dovrebbe ispirarci a vivere in maniera semplice la nostra vita e ad essere soddisfati con quello che abbiamo piuttosto che con quello che vorremmo. Il segreto infatti è proprio quello di vivere semplicemente con meno attaccamenti materiali possibili.

  1. FAI DEL TUO MEGLIO PER AIUTARE GLI ALTRI

La maggior parte dei bhutanesi crede nel buddismo che li guida nella vita di tutti I giorni portando cordialità, pace interiore e purezza. Sono coscenti della sofferenza, molto compassionevoli e pronti ad aiutare coloro che stanno attraversando delle difficoltà. Anche coloro che possiedono molto poco sono pronti a fare del loro meglio per aiutare chi ha bisogno. Inoltre sono molto attenti ad evitare di provocare dolore agli altri, inclusi gli animali. La pesca è l’unica forma di caccia ammessa. Tutte le altre creature possono tranquillamente pascolare senza timore di essere uccise.

  1. UN CONSIGLIO

Il Bhutan è una terra di antichi monasteri, nature divine e persone meravigliosamente felici. Affascina viaggiatori da tutto il mondo. Un consiglio prima di lasciarvi nel caso vi sia venuta voglia di scoprire questo popolo e la sua terra: spegnete la mente prima di partire, lasciate ogni pensiero negativo e ogni preconcetto, tenete aperte le porte della percezione e cercate di vedere in positivo, come per incanto scoprirete la vera felicità.

 Per i viaggi in bhutan visitate il nostro sito https://www.passoinindia.com/bhutan o scriveteci su info@passoinidia.com

Test by passoinindia

Photo: dal google

Le danze del festival di Paro (Bhutan).

Con la primavera, quando le nevi cominciano a scogliersi, a Paro, in Bhutan, lo Stato ormai noto per essere il più felice del mondo, ha luogo il Tshechu, uno dei festival religiosi buddisti più importanti dell’omonimo distretto. Questo evento attira moltissimi viaggiatori ma non è affatto costruito per essere un’attrazione turistica, trattandosi invece di una festa religiosa autenticamente celebrata dalle comunità locali bhutanesi. Tshechu significa “decimo giorno” essendo tenuta il decimo giorno del secondo mese del calendario lunare bhutanese, corrispondente al compleanno di Guru Rimpoche, il prezioso maestro.

Guru Rimpoche è il nome popolare di Guru Padmasambhava, parola che vuol dire “colui che è nato da un fiore di loto”; questo santo, intorno all’800 d.C., diffuse in Bhutan il Buddismo Vajrayana, (buddismo del veicolo del diamante) chiamato anche Buddismo Matrayana (veicolo dei mantra segreti) o anche Tantrayaba (veicolo del Tantra, da cui buddismo tantrico), che complessivamente è noto come buddismo tibetano di cui quindi Guru Rimpoche è considerato il fondatore. Si tratta di scuole, lignaggi e dottrine che promulgano nuovi insegnamenti mirati a raggiungere, intento comune a tutto il buddismo, la conoscenza e quindi l’illuminazione. Il buddismo butanese, pur originando da quello tibetano, ha poi assunto caratteristiche specifiche per rituali, liturgia e organizzazione monastica, secondo le regole del Buddismo Mahayana (il Grande Veicolo). Il Bhutan è il solo Paese al mondo che ha mantenuto il buddismo Mahayana, nella sua connotazione tantrica Vajrayana, come religione ufficiale di Stato.

Il festival di Paro si svolge ogni anno sin dal XVII° secolo, quando Zhabdrung Ngawang Namgyal (il fondatore dello stato del Bhutan) e Ponpo Rigzin Nyingpo lo iniziarono nel 1644 in occasione della consacrazione dello Dzong della città.

Lo Dzong, struttura tipica del Bhutan che ne conserva di straordinari e visitabili, è un edificio costruito come una fortezza in pietra (i tetti invece sono in legno e assemblati senza uso di chiodi con tecniche di incastro) il cui interno è tuttavia adibito a monastero e alla gestione degli affari amministrativi della comunità; si noti che, per ragioni di sicurezza, il primo piano non presenta mai alcuna finestra. Chi ha visto il film “Il piccolo Buddha” di Bernardo Bertolucci troverà familiare il Rinpung Dzong di Paro perché qui sono state ambientate alcune scene del film.

In realtà sono vari gli Tshechu che si tengono in varie zone, templi, monasteri e dzong del Bhutan in vari periodi dell’anno; praticamente ogni luogo importante del Bhutan ha il suo Tshechu, così come avviene a Thimphu (l’altro famoso insieme a quello di Paro), Punakha, Wangdue e Bumthang.

Durante questa festa che dura 5 giorni, al ritmo di tombe, cembali, flauti e canti popolari, si svolgono rituali e spettacolari danze e forme di teatro (cham) in coloratissimi ed elaborati costumi tradizionali dove i danzatori, monaci e laici, hanno il viso coperto da incredibili maschere dal profondo e particolare significato; danzando essi rappresentano delle storie o accadimenti dell’ VIII° secolo, il tempo di Guru Rimpoche di cui ricordano la vita e le gesta; durante le rappresentazioni vengono invocate le divinità e gli insegnamenti tantrici che con la loro benedizione hanno il potere di annientare il male e portare pace e felicità al Regno.

Per i bhutanesi, che per l’occasione indossano i loro gioielli e abiti migliori, bevono té al burro e bevande d’orzo, partecipare al Tshechu significa venire benedetti, purificarsi dai peccati e guadagnare meriti; per i turisti è sicuramente il modo migliore per avvicinarsi alla gente e alla cultura bhutanese. Il momento più importante del Tsechu di Paro (ma anche degli altri Tsechu) è quando nel cortile interno dello Dzong viene dispiegato il Thangka (o Tangka), un enorme arazzo, magnifico esempio di arte buddista, che viene esposto solo per poche ore all’alba dell’ultimo giorno della festa. Il termine deriva dalla parola “than” che significa “piano” e “ka” che vuol dire “dipinto”; quindi il Thangka è un tipo di dipinto realizzato su una superficie piana.

Questo dipinto di 30 × 45 metri raffigura Padmasambhava al centro affiancato dalle sue due consorti (Mandarava e Yeshe Tsogyal) e dalle sue otto incarnazioni. Di solito Padmasambhava viene raffigurato con baffi e barbetta mentre in mano tiene un “vajra” e una “khatvanga”. Quest’ultimo è lungo bastone, in origine un’arma, adottato poi come simbolo religionso nel buddismo Vajrayana. Il Vajra è quell’oggetto simbolico, costituito da una sfera centrale ai cui estremi si trovano due loti con otto petali (che rappresentano i due mondi opposti, quello fenomenico del Samsara e quello tangibile del Nirvana) che dal punto di vista del “vuoto” sono assolutamtne uguali; gli otto petali rappresentano i quattro Bodhisattva, gli illuminati, e le loro consorti. Questo simbolo è ricorrente anche nell’Induismo e nel Tantrismo il cui nome, dal sanscrito, significa “diamante” o “fulmine” e rappresenta l’infrangibilità, l’immutabilità e l’autenticità della Verità ultima ma anche la vacuità, vera essenza di tutti gli uomini e del reale; inoltre, la trasparenza del diamante indica anche che la mente illuminata è “chiara”, “limpida” e “vuota” ed il “vuoto” è rappresentato proprio dalla sfera, ha la stessa natura dell’illuminazione. La Verità è come il fulmine ed indistruttibile come il diamante che distrugge ignoranza e inconsapevolezza. Da Vajra deriva il nome Vajrayana cioè il “veicolo di diamante”, la terza grande trasformazione del buddismo dopo lo Hinayana e il Mahayana.

Chi guarda il grande arazzo riceve in dono la liberazione dal peccato e questo è proprio il significato letterale del termine bhutanese ‘thongdroel‘, così come è anche chiamato questo grande Thangka. Dopo l’estensione del Thangka hanno luogo la danza del Signore della Morte (Shingje Yab Yum) e della sua consorte, la Durdag (danza dei signori dei terreni di cremazione), la danza dei cappelli neri (Shanag), la danza del tamburo (Drametse Ngacham), la danza delle otto specie di spiriti (De Gye mang cham) e altri canti e danze tradizionali. Poi il thangka viene arrotolato e riposto all’interno del Dzong per essere nuovamente ammirato l’anno seguente.

Se volete viaggiare con noi in Bhutan guardate il nostro sito http://www.passoinindia.com

Quest’anno, nel 2017, il festival di Paro si terrà dal 7 al 11 aprile.

Per il festival di Thimpu queste sono le date:

Thimpu Drubchen: dal 25 al 29 settembre 2017

Thimpu Tsechu dal 30 settembre al 2 ottobre 2017

Paro (2.250 m.s.l.m.) si trova in una delle più ampie valli del regno, la Paro Valley, ricca di risaie fertili, attraversata da un fiume di acqua purissima. Anche al di fuori del festival Paro merita una visita essendovi più di 155 templi e monasteri nel distretto, alcuni del XIV° secolo. Spettacolare è il monastero di Taktsang, chiamato “il nido della tigre” che si aggrappa ad una scogliera rocciosa a strapiombo sulla valle, raggiungibile con una salita a piedi o a dorso di mulo attraverso boschi di querce e rododendri. Secondo la tradizione bhutanese Padmasambhava si fermò qui quando arrivò in Bhutan volando aggrappato alla sua moglie tibetana Yeshe Tsogyal, trasformata in una tigre volante, da cui il nome del monastero.

Paro dispone di aeroporto internazionale e già il sorvolo è uno spettacolo.

Bhutan, fuori dal tempo.

 

 

Da quando ho visitato il Bhutan, questo piccolo Paese mi è rimasto nel cuore. Durante il mio viaggio laggiù ho visto peasaggi meravigliosi. Ricordo gruppi di bambini divertiti in abiti tradizionali, bellissimi templi dove la gente prega con devozione,  monaci recitanti preghiere snocciolando rosari, antiche case decorate in stile Bhutanese. Guardavo il verde acceso dei campi di riso, ascoltavo il silenzio che emanava tutto ciò che mi stava intorno. Il Bhutan tiene vive le proprie tradizioni e costumi quotidianamente indossati dai Bhutanesi persino durante il lavoro. Vi racconto qualcosa di questa magnificà terra che si nasconde in Himalaya orientale tra India e Tibet. Circondato da  montagne e giungla, il Bhutan è rimasto per secoli isolato dal resto del mondo, mai diventando colonia di Stati esteri e conservando intatte le proprie tradizioni  profondamente influenzate dal Buddhismo che ne è la religione ufficiale  (la seconda fede popolare è l’Induismo). Chiamato il Paese dei Dragoni Tonanti a causa delle violente tempeste, resta ancora oggi un Paese di pace dove la qualità della vita è misurata sulla base della felicità. Più che sul prodotto nazionale lordo, il Bhutan misura la felicità interna lorda come politica ufficiale di uno sviluppo sostenibile che si fonda sulla tutela dell’ambiente, la conservazione culturale e il buon governo. Questa democratica monarchia costituzionale, fondata nel 1907, con prime elezioni risalenti al 2008, è anche, dal 1971, riconosciuta dalle Nazioni Unite.

La sua capitale è Thimpu, la sola città al mondo senza semafori dove il traffico è ancora diretto da vigili in guanti bianchi,  e la lingua ufficiale è il Dzongka, anche se ci sono ben 24 lingue parlate in questo piccolo paese. E’ una delle nazioni meno sviluppate al mondo e l’unica che assorbe più CO2 di quanto non ne emetta e la sua maggiore esportazione è l’energia rinnovabile, che è energia idroelettrica. L’assistenza sanitaria e l’istruzione sono gratuite in Bhutan per  residenti e visitatori (54% degli adulti e il 76% dei giovani in Bhutan sono alfabetizzati)  e l’aspettativa di vita media è di solo 66 anni. L’omosessualità è illegale e punibile dalla legge, ma la poligamia è permessa. Tutti i cittadini diventano ufficialmente un anno più grandi il giorno di Capodanno cosicché ognuno si ricorda del compleanno altrui.

Solo nel 1999 la televisione e internet sono state permesse grazie al re Jigme Singye. Tiro con l’arco e freccette sono gli sport nazionali del Bhutan. Questo piccolo paese è per il 70% coperto da boschi ed è uno dei paesi leader nella conservazione dell’ambiente oltre ad essere il solo Paese a rendere illegale l’uso del tabacco. Dal 1999 sono stati vietati i sacchetti di plastica sostituiti dai quelli di cotone.

Il piccolissimo Bhutan è circondato da montagne elevatissime il cui punto più alto è rappresentato dal Kula Kangri a 7553 m.  Le montagne, che sono considerate sacre e quindi mai “scalate”, sono abitate dalla “Takin”, una capra-antilope, che è anche l’animale nazionale del Bhutan; un animale unico e strano che sembra un mix tra una mucca e capra.

I primi turisti stranieri sono stati autorizzati ad entrare in Bhutan nel 1974.

Oggi, per visitare il Bhutan, tutti i turisti devono viaggiare con un tour operator e pagare una tassa minima di $ 250 al giorno, che comprende trasporto, alberghi, ingressi, guide.

testo e foto by PASSOININDIA

per viaggi in Bhutan visita la pagina http://www.passoinindia.com